Bar Italia

Bar Italia

La tradizione popolare riconduce alla figura dell’eclettico imprenditore romano Costa, assiduo frequentatore della località tra anni Venti e Trenta, la costruzione della struttura che ospiterà per anni lo storico ‘Bar Italia’. La piattaforma eretta su palafitta di grossi pali di pino veniva smontata ogni anno a fine stagione e poi rimontata la primavera successiva. Al suo interno il bar e tutto intorno i tavolini; più in basso la pista da ballo (“Ville e villette di Bellaria Cagnona nei ricordi di Rosina Cesari”).

Il tratto a mare della “Traversa Cagnona” (con tempo Via Italia) viene interessato ai primi anni Trenta da un importante lavoro di ‘restyling’ (diremmo oggi) che gli conferirà la sua tradizionale immagine da cartolina. Il capitolato prevede la costruzione di un piazzale semicircolare “a forma di esedra” nel “punto più centrale e di confluenza e d’accesso alla spiaggia”. A mezzo di tre scalini era possibile portarsi sulla battigia mentre la passarella conduceva al Bar Italia.

Check Also

Il ghetto dei ricordi

Il Ghetto dei ricordi

Ho trascorso la prima infanzia in quella zona periferica del territorio bellariese che, con intento …