Libro

Area umida

Nel Medioevo le acque sono una componente forte del paesaggio. I livelli di piovosità, il pressoché nullo sfruttamento delle falde superficiali, la presenza residua del manto boschivo, contribuiscono a determinare un regime idraulico caratterizzato da specchi lacustri o palustri abbastanza diffusi e corsi d’acque con portata abbondante e piuttosto continua. Sono elementi riscontrabili lungo tutta la fascia pianeggiante, e quindi …

Read More »

I Sgnur

Il video “I Sgnur” ci restituisce in tutto il suo fascino il rapporto tra locali e bagnanti mediante le testimonianze e memorie di chi ha vissuto la fase pionieristica della  Romagna balneare. Un turismo ancora per pochi, non specializzato e fondato su relazioni di ospitalità da parte dell’intera comunità locale che offriva i propri spazi per l’accoglienza dei “forestieri” La …

Read More »

Viserba, Bellaria, Santarcangelo, Torriana. La resistenza

BELLARIA ponte_della_ferrovia

Il 24 (settembre 1944 ndr) i neozelandesi attraversano il rio Fontanaccia, profondo 3 o 4 metri. Una squadra combatte  aspramente e i superstiti sono costretti a tenersi nascosti nel rio. La sera altro terribile  intervento dell’artiglieria. Nella notte i neozelandesi muovono ancora in avanti, con il 22° Btg sulla litoranea verso Igea Marina, il 24° più all’interno, verso Bordonchio e …

Read More »

In curte sancti Mauri, inter Flaumesinus et Madrixam

Dalle vecchie carte si rileva che una certa estensione di terreni in curte sancti Mauri, inter Flaumesinus et Madrixam et viam a doubus, ebbe il nome di Cagnona; forse da una famiglia Ferrarese di tal casato. Sappiamo poi che uno dei Zampeschi, Signori di Forlimpopoli e da qualche tempo del Castello di San Mauro, assunse anche il predicato di quella …

Read More »

La percezione del tempo

BICI

Ogni constatazione, ogni riflessione sul modo di vivere, sui costumi della gente di “oggi”, sono accompagnata da un commento su ciò che accadeva “ieri”. Il tempo del vissuto ha due versanti, il presente e il passato, e il primo assume un significato solo in rapporto al secondo. Il presente è colto sempre attraverso l’opposizione logica “ieri-oggi”, “prima-adesso”: una dicotomia che …

Read More »

Fra Rimini e Cesena

BASSA

Le pievi di San Martino in Bordonchio, dei Santi Vito e Modesto, di San Michele in Acerboli, di San Martino in Rubicone e tante altre, furono erette prima del Mille, in funzione delle genti che, da tempo e tempo, vivevano e lavoravano nelle terre che avrebbero fatto parte dei loro plebati. Erano genti che, per necessità di sostentamento, dipendente esclusivamente …

Read More »

Insediamenti

GARAMPI stralcio

Ariminum è, come risaputo, una colonia latina dedotta nel 268 a.C. Una fondazione antica che precede quella di altre città norditaliche come Piacenza, Cremona, Bologna, Parma, Modena e Aquileia. Coordinata alla fondazione è quindi la realizzazione di una suddivisione del terreno agricolo circostante, e dunque l’assegnazione delle terre ai coloni. La centuriazione è il sistema di misurazione del terreno utilizzato …

Read More »

Giacobini alla Cagnona

MARIANNA

Con la tregua di Treviso, Rimini fu assegnata a Napoleone Bonaparte. Pochi giorni dopo, il 24 gennaio 1801, una folla di accesi cisalpini giacobini e tremila soldati francesi entrarono a Rimini compiendo atti di violenza su persone e cose. Napoleone, tuttavia, non intese favorire oltre gli estremismi giacobini, come dimostrò con la trasformazione della Cisalpina in Repubblica Italiana – con …

Read More »

28 settembre 1916

Chi è stato il pittore che ha dipinto quest’alba settembrina?  E’ così bella, è così in pace, è tutta un tenero palpitar di luce !  Se su per il cielo rosato, fuor delle mirabili trasparenze che radon la terra, sorgesse, invece del sole, una figura ridente di donna, io non me ne meraviglierei. –Siete voi, signora, che avete pulito, mentre noi …

Read More »

La villeggiatura

All’ing. Giovanni Lugaresi (Cesena 1844- Bellaria 1922) possono riconoscersi i meriti pionieristici del turismo di Bellaria. Egli, che già frequentava la zona per la propria passione venatoria e per essere impiegato quale tecnico alla costruzione della ferrovia, alla fine degli anni ’70 sceglie Bellaria quale luogo di cura per il figlio Eraldo di appena due anni, dapprima dimora nel Borgo, …

Read More »